Garbarino Roberto

La bottiglia racconta lannata trascorsa, le stagioni, landamento climatico, ma soprattutto è il filo diretto con la terra. Crediamo che il rispetto per lambiente, in particolare per il suolo, sia fondamentale per la qualità dei nostri vini. Non utilizziamo diserbanti, fertilizzanti chimici e, se le condizioni ambientali lo consentono, riduciamo limpiego di fitofarmaci sistemici.

La giovane realtà vitivinicola è nata nel 2012 per inseguire un sogno e una passione, dopo una laurea in enologia, l’esperienza in Nuova Zelanda e aver lavorato dai grandi produttori di Langa. Il sogno di produrre bollicine di grande qualità in una terra di rossi importanti, e crederci al punto da cominciare come – forse – il più piccolo produttore di Alta Langa con l’annata 2013.

L’azienda di Roberto e Beatrice conta 6 ettari vitati nel territorio di Neviglie, piccolo paese della langa cuneese,  e quasi 4 ettari a Trezzo Tinella a pochi km dalla cantina.

Terreni ripidi, argillosi con alcune vene sabbiose ci permettono di ottenere un’eccellente qualità delle uve e quindi dei vini ottenuti. Caratterizzato da inverni non troppo rigidi, nonostante l’altitudine, e da estati fresche, le vigne (che si trovano ad un’altitudine che va dai 450 ai 600 metri slm) godono di un clima fresco e asciutto, contesto climatico perfetto per produrre spumanti eleganti e dal carattere deciso.

Roberto conosce tutto dei suoi vini: ne segue ogni fase in prima persona. Dalla vigna, alla vendemmia, alla vinificazione. “Il mio maestro da un punto di vista enologico – spiega Roberto – mi ha detto: per  fare un buon vino, non è un particolare che fa la differenza, ma le minuzie che apporti al vino ogni giorno; cioè l’attenzione e la dedizione che tu porti ai tuoi prodotti ogni giorno. Ho imparato anche ad avere un approccio più pragmatico nei confronti del vino, ho imparato che le analisi chimiche sono molto importanti… però mai mollare il proprio intuito”.

Galleria foto