Enrico Serafino

Enrico Serafino: dal 1878 oltre 140 vendemmie di Metodo Classico.

Fondata nel lontano 1878 a Canale d’Alba, la Enrico Serafino è stata una delle prime Case Storiche Piemontesi a creare, all’interno delle proprie gallerie sotterranee ottocentesche, pregiate cuvée di Metodo Classico come l’Asti Champagne e lo Champagne Regina Brut.

Già nei primi anni del Novecento il metodo classico di Enrico Serafino, identificabile per il raffinato logo art déco, insieme ad altri spumanti piemontesi conquistò il mondo. Gli eleganti manifesti pubblicitari comparvero nelle strade di New York, Londra e Parigi e le bottiglie divennero protagoniste dei momenti lieti e inebrianti dei film hollywoodiani e dei party più eleganti.

Oggi quasi nulla è cambiato dal vigneto alla cantina ma soprattutto non sono cambiate le regole e i gesti di chi ci lavora, esperti, precisi, quasi rituali, perché la qualità non si improvvisa.
Il vigneto è l’Alta Langa, quello delle colline piemontesi più aspre e povere, con terreni marnosi e calcareo-argillosi, sfondo alle pagine di Pavese e Fenoglio e contornate dalle vigne che hanno dato fama ai grandi vini rossi piemontesi. Qui si ottengono le uve Pinot Nero, da sempre il vitigno prediletto della Casa, così come quelle di Chardonnay.
La cantina è quella delle storiche gallerie a temperatura costante. Al loro interno Enrico Serafino elabora ogni singola bottiglia di metodo classico con la solida esperienza di oltre 140 vendemmie basandosi su regole rigorose come quella di non utilizzare distillati nelle proprie Liqueur d’expedition.

Ovviamente la tradizione non basta: per cercare di continuare a migliorarsi sono necessarie dedizione e lungimiranza che servono a seguire, quotidianamente, i lunghi anni durante i quali il vino riposa sui lieviti. Il risultato è un Alta Langa di grande longevità e complessità in cui ogni bottiglia è una prova unica e irripetibile.

Galleria foto