Fontanafredda

Alta Langa Extra Brut

Uve: pinot nero – chardonnay

Zona di produzione: comuni di S. Stefano Belbo, Castino, Borgomale e Lequio Berria

Esposizione e altitudine: altitudine compresa tra i 400 e i 600m s.l.m. con esposizione sud e sud-ovest

Tipologia del terreno: i terreni sono costituiti da argille bianche intervallate da strati di sabbie e marne calcaree

Sistema di allevamento: guyot

Densità dell’impianto: 4.500 ceppi/ha

Epoca di vendemmia: fine agosto, inizio settembre

Grado alcolico: 12% vol

Temperatura di servizio: 6-8° C

Formati disponibili (litri): 0,75 – 1,5 – 3 – 6

Vinificazione: l’uva raccolta in cassette da 20 chili circa viene direttamente versata in pressa per una spremitura soffice e delicata. Il mosto ottenuto viene immesso in serbatoi termocondizionati per la decantazione statica. Il mosto limpido a questo punto viene suddiviso in due aliquote. Una parte effettua la fermentazione in serbatoi inox di acciaio a bassa temperatura (18-20° C). L’ altra parte viene immessa in barriques dove effettua la fermentazione in cantine interrate ad
una temperatura massima di 20 gradi. Il vino al termine della fermentazione in barriques viene mantenuto a contatto delle fecce fini fino in primavera. A questo punto viene realizzata la cuvée unendo i vini provenienti dalle due fermentazioni. Nel mese di maggio il vino affronta una seconda fermentazione, quella in bottiglia, seguita da un processo di maturazione sui lieviti, nell’ambiente fresco, buio e protetto delle cantine, in ossequio alle più rigorose regole dello Spumante Metodo Classico.

Scheda organolettica: Ottenuto dalla vinificazione di uve che grazie all’altitudine maturano con lentezza in modo da produrre aromi molto particolari, è sboccato dopo un periodo di affinamento sui lieviti di almeno 3 anni. Lo spumante versato nel calice presenta un colore giallo paglierino con riflessi verdi. Il perlage è finissimo e molto persistente. I profumi di grande intensità e complessità, ricordano con prevalenza il miele millefiori e le spezie, la frutta secca tostata, e la crosta di pane. In bocca si avverte la struttura del pinot nero che ben si sposa con la fragranza dello chardonnay. Il retrogusto lungo e persistente con sensazioni fresche e sapide.

Abbinamenti: Ottimo come aperitivo, ma soprattutto – per la sua indiscussa personalità – rappresenta un modo eccellente per accompagnare con classe tutte le portate.